Storie di Latte – SAM 2018 – Una storia al giorno – #22 – Alice

Buonasera, sono Alice e ho sempre desiderato fare la mamma da grande. Ho avuto il mio primo figlio a 27 anni ed è stato il mio primo in tutto, il primo sguardo che non si dimenticherà mai, le prime vere grandi emozioni e la mia prima esperienza con l’allattamento . Spiegare o comunque raccontare l’allattamento in modo sintetico è davvero difficile, ma proverò a raccontare la mia esperienza nel modo più breve possibile. L’allattamento con il mio primo figlio è stato davvero molto difficile e doloroso, non solo a livello fisico ma il dolore più grande è stato psicologico. Il mio bimbo ha avuto difficoltà nell’attaccarsi fin dalle prime ore di vita, e così ha fatto fino alla fine. Questa difficoltà mi ha portata a sentirmi incapace, non in grado di poterlo sfamare come la natura ha voluto, e la situazione si è aggravata con il subentrare, dopo un mese e mezzo, del latte artificiale. Era doloroso a tal punto che piangevo per questo, non accettavo che il mio bimbo preferisse di gran lunga un biberon a me. Ricordo di averle provate tutte e di aver ascoltato tutti i consigli, fin troppi… ma nessuno mi ha mai voluto aiutare veramente, era solo molto facile dare svariate opinioni in merito .

Piano piano me ne sono fatta una ragione e ho allattato fino ai 4 mesi del bambino, dopodiché ho deciso di smettere, stremata dalla situazione.

Tutto ciò ha lasciato una bella cicatrice e mi terrorizzava l’idea di un eventuale altro allattamento al seno, addirittura per i primi periodi rabbrividivo nel vedere una madre che allattava.

Dopo tre anni, quest’anno, arriva l’altro amore della mia vita: il mio secondo figlio. La paura c è ancora e si presenta fin da subito, ma l’esperienza questa volta gioca a mio favore e con tanto coraggio decido di allattare anche il mio secondo bimbo: decido di non privare lui del latte materno e me di una seconda possibilità, volevo riscattare quello che era stato con il primogenito.

Volevo allattare.

Inizialmente tutto benissimo, il mio bimbo si attacca nel modo giusto, ma purtroppo dopo due settimane mi sento dire dal pediatra che il bambino non cresce e dunque occorre incrementare con il latte artificiale.

Mi crolla letteralmente il mondo addosso, ho paura e vivo tutto questo come l’ennesimo fallimento. Inizio affranta l’allattamento misto, che, diciamocela tutta, è la vera scocciatura, però con il passare dei giorni mi abituo e, cosa più importante, il mio bambino cresce.

Oggi ha quasi tre mesi e impazzisce per il biberon (come dargli torto) ma quando arriva il nostro momento, il suo viso si illumina e il resto del mondo si ferma ed è qui che ho la certezza che nonostante tutto fare la mamma è il mestiere più bello del mondo e l’allattamento è sicuramente l’esperienza più intensa e unica al mondo.

Alice