Storie di Latte – SAM 2018 – Una storia al giorno – #23 – Veronica

Il 2 maggio sono diventata mamma di due gemelline fantastiche. Erano molto curiose di conoscere la loro mamma, il loro papà e il mondo che le circonda, infatti sono nate con 1 mese e mezzo di anticipo.

Virginia pesava 1305, Viola invece 1575.

Una volta uscite dal mio pancione il Dottore le ha sollevate come fossero dei trofei e poi subito in incubatrice.

Non era sicuramente così che immaginavo il mio parto. Il sogno di ogni mamma è quello di stringere fra le braccia i propri figli che hanno tenuto in grembo per i mesi di gestazione.

Ho potuto vedere le mie bimbe solo dopo 2 giorni e mezzo dalla loro nascita e vederle con tutti quei tubicini e cerotti è stato molto triste.

I medici mi dissero che le bimbe avevano iniziato il nutrimento mediante gavage con il latte artificiale ma purtroppo lo rigettavano perché non riuscivano a digerirlo.

Dopo questa notizia, nonostante fossi con le mie figlie, non vedevo l’ora di correre nella mia stanza di degenza per iniziare la mia prima esperienza da mamma: tirare il latte per far sopravvivere le mie scriccioline.

Il dolore inizialmente era molto forte, ma non mi importava! Dovevo farcela! 15 minuti da un seno, 15 minuti dall’altro ero riuscita a produrre solo 30 ml di colostro. Troppo poco ho pensato, ma i medici mi rincuorarono dicendomi che essendo così piccole le bimbe avrebbero assunto solo 1 cc ogni 3 ore.

Da quel momento in poi il mio unico pensiero era quello di tirare il latte a più non posso, fin quando hanno raggiunto le forze necessarie, nonostante il loro sottopeso, per ciucciarlo direttamente dal mio seno. Non scorderò mai la prima volta che le presi in braccio, così piccole ma così forti. Con i loro occhietti bellissimi che mi guardavano incantate. Credo che grazie al mio calore e al mio latte, dopo circa 50 giorni sono finalmente tornate a casa con mamma e papà.

Adesso le allatto regolarmente al seno anche contemporaneamente, ed è una delle emozioni più belle che una donna possa provare.

Spero che questa mia testimonianza vi dia la forza di non arrendervi mai e vi risollevi da eventuali periodi bui.

Un abbraccio a tutte le mamme,

Veronica